Per la tornata elettorale forte la presenza di Unagraco sul territorio nazionale

Commercialisti pronti alle urne.

Nuovi vertici locali per tutti i Consigli degli ordini.

 

Sono alle porte le prossime elezioni su tutto il territorio nazionale dei Consigli degli ordini dei dottori commercialisti e degli esperti contabili e dei relativi Collegi dei revisori. Un appuntamento molto atteso per l’intera categoria che si prepara il 3 e 4 novembre 2016 ad eleggere i propri rappresentanti, per il quadriennio 2017-2020. Nella tornata elettorale, ormai prossima, si voterà quindi per il rinnovo del Consiglio e del Collegio dei revisori anche per l’Odcec di Bari, città sede della presidenza nazionale Unagraco. Il presidente nazionale Giuseppe Diretto è stato invitato a riproporre la sua candidatura per il Consiglio dell’Ordine del capoluogo pugliese, confermando così l’impegno personale da sempre volto a valorizzare e difendere i diritti della categoria.

 

Per questa occasione il presidente Diretto si presenta al fianco del collega Elbano de Nuccio, candidato presidente della lista numero 1 «Futuro Ordine di Bari» che ha attratto a sé una squadra di professionisti che rappresentano in modo omogeneo il territorio, sia della città che della provincia, proponendo idee concrete su tutti i temi che attengono alla tutela e alla vita professionale del commercialista, garantendo così, tanto l’esperienza quanto il vero rinnovamento.

 

I punti definiti del programma di cui i candidati si sono fatti garanti nel corso dei molti incontri con i colleghi, organizzati sul territorio, non saranno che l’inizio di un percorso per un Ordine che ha sempre avuto un posto di importanza primaria su scala nazionale. Si spazia dalle iniziative a sostegno della professione, pari opportunità di genere e di generazione, rapporti con gli enti pubblici e con il mondo imprenditoriale, rapporti con l’Agenzia delle entrate, con le commissioni tributarie, con l’Inps e con l’Inail, rapporti con il Tribunale, Università e formazione e con le associazioni sindacali di categoria, per poi arrivare anche alla «informazione 4.0» rivisitando il sito web e la comunicazione on line, per poi stringere sempre più i rapporti con il Consiglio nazionale e le Casse di previdenza. Dieci punti per iniziare e che faranno la differenza, così come richiesto a più voci sul territorio.

 

La lista num. 1 «Futuro Ordine di Bari: lavoriamo uniti per crescere insieme», candidato presidente Elbano De Nuccio, è composta: per il Consiglio da Ruggiero Pierno, Michele Locuratolo, Michele Saponaro, Giuseppe Diretto, Mariano Dibitonto, Ciro Pace, Alessandra Campanelli, Regina Patrizia Morisco, Fabio Angelo Montinari, Nunzio Riviello, Francesco Campobasso, Giovanni Simone, Marco Preverin, Marco Ligrani, Agnese Lorè, Massimiliano Sciannameo, Armando Urbano, Antonio Gentile, Filomena Angela Fontanarosa; per il Collegio dei revisori da: Domenico Lorusso, Cinzia Saltino, Francesco Giordano, Gennaro Fraccalvieri, Maurizio Ventrella. Una lista fortemente condivisa dall’Unagraco poiché oltre al presidente nazionale è composta da colleghi alcuni dei quali sono attivi iscritti, rappresentanti e sostenitori dell’Associazione. Numerosi sono anche i sostenitori dell’Unagraco che ne condividono iniziative, idee e che oggi, in particolar modo, ne riconoscono il valore.

 

Ecco solo alcune delle tante candidature Unagraco per le prossime elezioni:

 

  • Ordine di Napoli: lista num. 1 «Vincenzo Moretta presidente », Amelia Scotti, candidata al Consiglio, consigliera dell’Unagraco locale e attiva nelle Commissioni nazionali Unagraco. -
  • Ordine di Genova: Marcello Pollio dell’Unagraco locale, storico sostenitore delle idee ed attività Unagraco, candidato alla presidenza dell’Ordine; Francesco Cinaglia, presidente dell’Unagraco Genova e consigliere nazionale Unagraco, candidato al Collegio dei Revisori. -
  • Ordine di Lecce: lista unica «Giuseppe Venneri candidato presidente», Gianluca Romano attuale Presidente dell’Unagraco di Lecce e consigliere Nazionale Unagraco, con Antonio Alessandro Chirilli tesoriere, e Manuela De Giorgi revisore, sono candidati per il Consiglio; Carola De Donno segretaria è candidata per il Collegio dei revisori. -
  • Ordine di Tempio Pausania (Olbia): Unagraco Locale candida il suo presidente Francesco Marcetti alla presidenza dell’Ordine, nella medesima lista lo affianca il collega Giuseppe Bianco alla carica di Consigliere; -
  • Ordine di Palermo: lista num. 1 «Fabrizio Escheri candidato Presidente», Ermelindo Provenzani, già vicepresidente dell’Unagraco di Palermo, candidato al Consiglio; Angelo Salemi candidato per il Collegio dei revisori, attuale consigliere dell’Unione locale. -
  • Ordine di Foggia: Lista num. 1 «candidato Presidente Domenico Pironti»: Piero Bonito presidente Unagraco Foggia con Massimiliano Di Giuseppe e Teresa Rita Pompea Russo iscritti dell’Unione; Savino Prencipe iscritto Unagraco Lucera; sono candidati per il Consiglio dell’Ordine; lista num. 2 «candidato Presidente Mario Cardillo »: Giovanni Viola, presidente Unagraco di Lucera e già vicepresidente dell’Ordine di Lucera, Costantino Foschi, vicepresidente Unagraco di Lucera e già consigliere dell’Ordine di Lucera, e Gianluca Testa iscritto dell’Unione locale; sono candidati per il Consiglio. -
  • Ordine di Frosinone: lista unica «Domenico Celenza candidato Presidente», per il Consiglio dell’Ordine sono candidate le colleghe Paola Paniccia, presidente dell’Unagraco di Frosinone e Latina, Francesca Migliore e Serena Viselli consigliere dell’Unione, ed il collega Antonio Zaccari iscritto all’Unione locale. -
  • Ordine di Padova: lista «Dante Carolo presidente», Stefano Gramignan dell’Unione locale, candidato al Consiglio dell’Ordine. -
  • Ordine di Avellino: Gianni Romeo, iscritto all’Unione locale ed ex segretario e tesoriere, candidato al Consiglio dell’Ordine territoriale. -
  • Ordine di Taranto: lista «Luca Vinciguerra Presidente», candidati al Consiglio Giuseppe Buzzacchino, presidente Unagraco Taranto e Claudio Carrieri componente direttivo. * Consigliere segretario nazionale Unagraco.

(Fonte Italia Oggi del 02  /11 /2016)